Lo sapevi che un terzo dei tuoi potenziali clienti non vede la tua pubblicità?

Cosa noti di strano nel seguente screenshot? A parte le solite brutte notizie.
Ecco come vedo io il sito di un noto quotidiano nazionale. E non solo io.

Home page con Adblock

Non noti ancora nulla?

Quello che segue invece è lo screenshot della stessa pagina ma con i banner pubblicitari.

Home page senza adblock

E non ho neppure colto il momento migliore! A volte la presenza di pubblicità generica è ancora più massiccia. Come è avvenuta questa magia?

Il web senza pubblicità

Se ti stai chiedendo perché io possa navigare senza sorbirmi un sacco di pubblicità poco interessante per me e che, oltre a dare fastidio, rallenta decisamente il caricamento delle pagine, vuol dire che non usi o non conosci i plugin per i browser per bloccare la pubblicità.

E se te lo stai domandando, la risposta è si, questi plugin bloccano anche gli spot prima dei video di YouTube. Quindi il video che vuoi vedere parte subito senza dover saltare quello promozionale.

Se proprio non sai di cosa sto parlando dedica un minuto al seguente video prima di continuare la lettura dell'articolo.

DISCLAIMER - Questo post non vuole essere:

  • un'apologia degli AdBlock (nome del plugin capostipite che poi ha preso ad indicare la categoria),
  • una spiegazione su come utilizzarli (trovi già molti post al riguardo sul web),
  • una disquisizione sull'eticità del loro uso,
  • un'approfondimento sulla legalità o meno di questi strumenti.

Qui ci concentreremo su come tenerli in considerazione per le strategie di marketing.

Gli Adblock esistono e tu non puoi farci niente

In verità esistono modi per bloccare gli Adblock ma durante la mia esperienza li ho incontrati raramente, quindi possiamo considerare che nella maggior parte dei casi, il tuo investimento pubblicitario potrebbe venire bloccato.

"Quindi posso semplicemente ignorarli?"

No, non puoi ignorarli perché il numero degli utilizzatori cresce in doppia cifra ogni anno.

Gli utenti del web diventano sempre più esperti e autonomi. Quando navigano si aspettano la qualità. Anche nella pubblicità.

Il computer ed il browser sono i loro strumenti. Per come è concepito il web non puoi obbligare nessuno a vedere un'immagine o un testo su di una pagina. Perfino lo stile grafico è personalizzabile. D'altronde le modalità di lettura che sono ormai native dei browser sfruttano proprio questa possibilità di gestire la visualizzazione in modo indipendente da come è stata concepita dall'autore del sito.

Guarda ad esempio come appare una pagina web nella visualizzazione standard e come può essere vista da un browser nella modalità sola lettura. Queste immagini sono prese su di un normalissimo iPad senza nessun software aggiuntivo

Modalità normale

Modalità di lettura

Forse inizi a capire cosa voglio farti capire con questo articolo.

Le statistiche riguardo la perdita di vendite sono impietose al riguardo, una fonte autorevole è il report "The cost of ad blocking" realizzato da PageFair e Adobe, ma ne esistono tante altre.

A seconda della tipologia di utente e dell'area geografica, gli utilizzatori di sistemi che bloccano la pubblicità oscillano tra il 20% e il 40% e continuano a crescere.

Cambia il paradigma, impara dai venditori di rose

Lo hanno capito persino i venditori ambulanti di rose. Non importunano tutti indiscriminatamente, ma puntano alle coppie, rivolgendosi all'uomo. Scelgono quelli che potenzialmente sono nella situazione più vicina a dover fare l'acquisto.

Perché invece sul web siamo invasi da banner e pubblicità completamente incoerenti con quello che sto facendo o leggendo in quel momento?

Se stai navigando questo sito probabilmente stai cercando di migliorare le vendite del tuo e-commerce o le performance della tua lead generation, cosa penseresti se vedessi dei link che ti invitano a provare un nuovo prodotto per dimagrire?
Probabilmente che il nostro server ha il senso dell'uomorismo e hai lasciato la webcam accesa? 😉

È facile notare gli errori degli altri, meno semplice è notare i propri.

Probabilmente sai quanti utenti hanno visto e cliccato i tuoi banner pubblicitari, ma non sai quanti non li hanno visti perché li stavano bloccando con degli Adblock.

Come fare quindi ad intercettarli e coinvolgerli?

Scopri la migliore pubblicità che puoi fare

Nella nostra cultura la pubblicità è una cosa negativa, la evitiamo in televisione facendo zapping, la eliminiamo dal web con gli Adblock e cancellando le email senza aprirle, cestiniamo i volantini.

Quando il tuo materiale di marketing viene percepito come pubblicità ne abbatti l'efficacia.

E se quel materiale vuole spingere una vendità il rendimento si abbassa ulteriormente. Ecco perché la miglior pubblicità che puoi fare non deve essere una pubblicità.

Non puoi pensare concentrare tutta le tue risorse nel cercare di prendere con la forza il tuo potenziale cliente.
La tua campagna pubblicitaria deve essere un regalo prezioso.
Devi far sì che sia il tuo cliente a chiederla, deve attenderla con ansia.

L'unico strumento che ti permette di fare ciò è il content marketing.

Nelle campagne di content marketing che seguo riesci proprio a percepire l'entusiasmo degli utenti che aspettano il nuovo post o la nuova email. Scattano a leggerli, commentano o chiedono chiarimenti...e poi comprano.

E tu quale contenuto di marketing stai realizzando che i tuoi utenti non vedono l'ora di ricevere?

Se vuoi avere un esempio gratuito di quello che dovresti fare? Eccoti la soluzione.

Scopri se anche tu stai commettendo questi 26 errori che il 73% degli e-commerce commettono ogni giorno
   

Nessun commento ancora

Lascia un commento